La rete del trasporto pubblico urbano di Asti é strutturata per consentire alla maggior parte dei quartieri periferici della città un collegamento diretto alla stazione ferroviaria e all’ospedale.

Le linee urbane di ASP, attive nei giorni feriali dalle 6 alle 20,30, sono nove: 1, 1/, 2, 2/, 3, 4, 6, 7 e Navetta Centro Storico. Durante il periodo scolastico vengono potenziate negli orari di ingresso e uscita degli studenti. Nei giorni festivi sono invece attive le linee A e B.

La rete urbana comprende anche le linee frazionali e le linee scolastiche frazionali per collegare le ventine al concentrico cittadino.

Asti, insieme a Treviso, è stata la prima città in Italia ad acquistare, ancora prima che la legge diventasse obbligatoria, i bus Euro 6 a gasolio, i più ecologici sul mercato: rispettano i limiti imposti dalle normative europee più severe in fatto di emissioni in atmosfera, con positive ricadute sull’aria che respiriamo.
Un altro vantaggio è un notevole risparmio sulle spese di carburante.

Asti è oggi l’unica città italiana a utilizzare sulle linee urbane una “eco flotta” di autobus che percorrono circa 850 mila km all’anno, pari all’80% del servizio svolto sulla rete urbana.
I mezzi, lunghi 12,135 metri, hanno una capienza di 84 posti in piedi, più 24 a sedere e una postazione per una sedia a rotelle per i disabili, sono dotati di illuminazione a led e climatizzatore, garantendo così un viaggio confortevole.
Per i disabili in sedia a rotelle è in funzione la pedana meccanica, per i non vedenti gli avvisatori acustici e l’indicazione vocale che segnala la direzione del capolinea.